Messaggio
  • Cookies

    Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per vedere quali cookie utilizziamo e quali sono di terze parti clicca sul link presente dopo il pulsante. Se clicchi sul pulsante “ accetto “ allora acconsenti all ’ uso dei cookie

    Informazioni sui cookies

CCNL TERZIARIO, DISTRIBUZIONE E SERVIZI DEFINITO ACCORDO INTEGRATIVO

Il ccnl del Terziario, Distribuzione e Servizi del 30/03/2015 ha previsto un incremento a regime pari a 85,00 euro per il IV livello, con riparametrazione sugli altri livelli contrattuali.

Con successivo accordo integrativo del 24/10/2016, le Parti hanno stabilito la sospensione dell'erogazione della tranche di aumento di novembre 2016, concordando di definire in seguito una nuova decorrenza degli aumenti contrattuali. Ad agosto 1017 è stato riconosciuto l'incremento retributivo previsto dall'accordo del 30/03/2015, mentre era rimasto ancora sospeso quello di novembre 2016.

Con l'accordo siglato il 26/09/2017 tra Confcommercio e le OO.SS., viene chiuso definitivamente il ccnl del Terziario, Distribuzione e Servizi. Le Parti, infatti, hanno collocato a marzo 2018 la tranche di aumento di 16 € per il IV livello (con riparametrazione dell'importo sugli altri livelli contrattuali) sospesa dal mese di novembre 2016 e contestualmente hanno deciso di prorogare la scadenza del contratto dal 31/12/2017 al 31/07/2018.

Inoltre, allo scopo di contrastare fenomeni di dumping, soprattutto retributivo, a garanzia di normali condizioni di concorrenza tra le imprese, le Parti concordano che gli aumenti contrattuali definiti dal ccnl del Terziario, Distribuzione e Servizi, in quanto contratto nazionale maggiormente applicato nell'ambito dell'intero settore terziario (secondo i dati dei codici contratto Inps e i dati delle iscrizioni ai Fondi nazionali di Assistenza sanitaria Integrativa costituiti dalle Parti), debbano costituire il minimo inderogabile anche per tutti gli altri contratti collettivi nazionali che insistano sulla stessa sfera di applicazione. La violazione di tale previsione contrattuale attraverso minori previsioni a valenza economica, contenuta in contratti collettivi nazionali sottoscritti dalle Parti firmatarie del ccnl in parola, che insistano sulla sfera di applicazione dello stesso, verrà automaticamente recepita nel ccnl del Terziario, Distribuzione e Servizi. Anche le altre misure di carattere economico dovranno essere comunque complessivamente equivalenti.

Il Servizio Paghe rimane a Vostra disposizione per qualsiasi chiarimento.

Cordiali saluti.

 

Gorizia, 18 Ottobre 2017

 

                                                       Il Responsabile del Servizio Paghe

                                                                     C.d.L. Davide Buco  

 
convenzioni
lets go
facebook
twitter
oggi impresa
tempONweb
scadenzeFISC
TERZSICUR
copertina fimaa
VENDITA SACCHETTI
raccolta